Come ricreare la propria intimità in viaggio: ecco le mie 5 regole basate sui 5 sensi

Il viaggio porta lontano e permette di uscire davvero dalla propria comfort zone e di conseguenza scoprire lati di sé che emergono solo in queste circostanze.

A me piace molto questa sensazione però allo stesso tempo mi piace ricreare quando sono in viaggio una parvenza di quello che per me significa casa, ovvero la mia intimità fatta di piccole cose che mi aiutano a passare tanto tempo lontano senza sentirmi in quel disagio che non è per nulla costruttivo, perlomeno per me.

Quello che faccio è tentare di costruire in ogni stanza in cui dormo la mia piccola comfort zone e per farlo mi baso sui 5 sensi.

Ecco le mie 5 mosse:

Olfatto

Per questo magnifico senso che io credo di avere alquanto sviluppato, provvedo a tenerlo in pace utilizzando gli incensi, ovviamente non mi piacciono tutti perciò appena inizio un viaggio mi reco in un negozio del luogo per cercare la qualità di incenso che mi accompagnerà.

Udito

Preparo prima di partire una Playlist di musica che posso ascoltare offline così non mi serve una connessione wifi nel caso finissi in qualche hotel senza.

Vista e Tatto

Sono due sensi che cullo nello stesso modo, ovvero porto con me o compro un telo che durante il viaggio lavo per tenerlo pulito e lo uso come copriletto, praticamente mi aiuta a vedere la stanza come un qualcosa di familiare e quando mi stendo lo faccio su un tessuto che è mio e questo mi fa sentire a mio agio.

Gusto

Questo senso viene soddisfatto con uno strumento e con una polvere bianca.

La mia giornata deve iniziare con un caffè nella mia stanza siccome mi piace berlo prima di lavarmi i denti e in tutta tranquillità, come ho risolto questo “bisogno”?

Con una resistenza, è stata la scoperta del secolo, si tratta di uno strumento pericoloso che deve essere utilizzato con molta attenzione perché come tutti sappiamo acqua ed elettricità non devono stare proprio vicine e quello che accade con la resistenza non è solo vicinanza ma totale immersione.

In questo modo posso farmi caffè, tè o ginger lemon tè tutte le volte che ne ho voglia.

(è possibile in questo modo mangiare anche degli instant noodles)

Un’altra cosa che mi piace fare è praparmi il cibo da sola, portare un fornello non è pratico diciamocelo perciò mi rifugio nelle insalate che preparo utilizzando la famosa polverina bianca ovvero il magico bicarbonato di sodio che pulisce le verdure.