Corsica: come muoversi – cosa vedere – spiagge

La Corsica è un’isola particolare, non è paragonabile alle sorelle italiane, non riguardo alla bellezza perchè lo sono tutte in maniera differente ma intendo proprio nel carattere di questo pezzo di “Francia” nel Mediterraneo.

Se sei italiano evita di parlare francese se è appena decente perchè loro ti risponderanno in Italiano siccome la lingua corsa si avvicina molto alla nostra. Nei luoghi turistici la cortesia diciamo che esiste ma nei luoghi tipici, quelli con le sedie in paglia e tavolini ferrosi rotondi, non è molto di casa. Ma nonostante questo è tipica, perciò bisogna solo farci l’abitudine, paese che vai usanze che trovi, inoltre è difficile non venire catturati da questa terra così complessa nella sua cultura.

In questo post dedicherò poche righe ai luoghi che si trovano a Sud-Est, non solo per la mole di turismo che si portano dietro ma perchè lì di cultura corsa non c’è molto, tutto sembra fatto a misura di turista e quelli come sapete non sono i miei posti.

551165025174d5e2a19fdb58afd57ed2
lungo un sentiero nei pressi di Galeria

Prima di tutto come muoversi in Corsica

Dal continente la soluzione migliore è prendere il traghetto, la Corsica ferries e la Moby coprono diverse tratte da Savona, Genova e Livorno che è il tragitto più corto per chi soffre il mal di mare.

Un’altra soluzione è quella di prendere un aereo e noleggiare una macchina, perchè se non si è automuniti si riesce a fare ben poco, non essendoci un ottimo servizio di trasporto.

Ci sono alcune linee di bus che collegano Bastia a Porto Vecchio e una linea ferroviaria meravigliosa che collega Bastia- Calvi e Bastia- Ajaccio.

Per me il modo migliore per viaggiare tra le strade corse è con una moto, questo è il paradiso dei motociclisti, ci sono molti pezzi esposti sul mare e tantissime stradine da fuori strada che portano a spiagge paradisiache. L’anno scorso l’abbiamo girata con la nostra Africa Twin e quest’anno invece con il nostro furgoncino, un Fiat Talento del 1991 e devo dire che la comodità di dormire dove vuoi e fare colazione con vista mare, non ha prezzo.

Con il Camper su alcune strade si fa molta fatica a passare ma non è impossibile. Invece un altro modo per muoversi è con la bici. Il cicloturismo in Corsica è davvero attivo ma sappiate che la gamba deve essere allanata.

Ultimo modo ma non per bellezza è quello di camminare, magari percorrendo il famosissimo GR20 che taglia l’isola in due da Calenzana a Conza (dicono che sia uno dei trekking più difficili d’Europa).
Le spiagge più belle

Facciamo una bella distinzione tra spiagge belle-famose e quelle belle-vivibili.

Quelle belle e famose sono le solite che sentiamo nominare dalla maggior parte dei rientrati in continente, come la Palombaggia, Santa Giulia, Porto Vecchio, Rondinara, Saleccia e Ostriconi. L’unica che mi sento di consigliare è Saleccia perchè per arrivarci bisogna fare un po’ di fuori strada, se si ha un mezzo adeguato sarà molto divertente e in caso contrario basta lasciare l’auto al bar vicino all’imbocco della sterrata e acquistare un passaggio su un 4×4, in alta stagione consiglio di prenotare, molti hotel e campeggi prenoteranno per voi l’escursione, ci sono diverse compagnie e alcune operano anche tramite barca offrendo il servizio da Saint Florent.

0061109d69b9cb4d59f7d0a9624fbbb2
Santa Giulia (fuori stagione)

La Plage di Saleccia si trova nel desert des Agriates, altro luogo molto suggestivo da attraversare con un mezzo e se volete sostare in mezzo al deserto e vicino a Saleccia allora non vi rimane che soggiornare al Camping UparadisU.

87d2a952ae5c9902040b4f3965acea26
Saleccia

In questa zona della Corsica vi troverete vicino ad altre spiagge che vale la pena vedere: Ostriconi e Lozari.

fe9bf02f186e34e2dc6d969af27d8992
Ostriconi

Le spiagge belle – vivibili sono quelle che per me hanno poca gente, magari non c’è la sabbia bianca ma l’acqua limpida e il silenzio sono le due cose che non mancano.

Ne ho 2 da consigliare :
LArgentella è una spiaggia nella Baia dei Crovani a 30 minuti da Calvi percorrendo la strada sul mare che porta a Galeria. Potrete parcheggiare in quei tre posticini che ci sono affianco alla casa bianca che vi troverete sulla sinistra. (in seguito troverete maggiori informazioni)

3faad8b16e67039305f332717f519919
Io&Morgan all’Argentella

Tollari, sulla punta del dito della Corsica. Questo magico posto è composto da quattro case, due vie e un’area sosta a pagamento (anche se nessuno è mai venuto a chiedere la quota) di fronte alla spiaggia. Dovrete venire qui con tutte le provviste perchè c’è solo un baretto con un tetto in legno, è il posto perfetto per staccare la spina e se volete potrete fare una camminata percorrendo un pezzo del sentiero dei doganieri fino a Barcaggio (45 minuti solo andata).

941023e149df9a4d6b03b5d161833402
Bjorn sulla spiaggia di Tollari al tramonto

(Se siete interessanti all’intero percorso si tratta di 8h di trekking con partenza da Macinaggio fino a Centuri, sono 26km e il percorso è facile, trovate maggiori informazioni su questo sito –> VisitCorsicaVisitCorsica)
Cosa non perdere

Partiamo dicendo che la Corsica è piccola ma le strade, quelle che portano ai posti più belli sono di montagna o a picco sul mare, quindi ci vuole cautela e attenzione, detto ciò è capile che non è possibile girarla tutta in una quindicina di giorni, cioè sì ma di fretta perciò vi dirò cosa non perdere dividendo l’isola in zone.

Il famoso dito della Corsica è una parte che avevo sempre snobbato dai miei itinerari, pensando che essendo vicino a Bastia fosse la parte più turistica e invece no, mi sono ricreduta e sappiate che è stupendo percorrere le stradine di questa penisoletta.

  • Nonza – è un paesello molto piccolo, pensate che ha appena 69 residenti (ultimo censimento 2009), al centro vi è una chiesa dai colori pastello e di fronte ad essa comincia una piacevole camminata che porta ad un point view dove è possibile ammirare la famosa spiaggia nera.
    IMG_20180331_103247_349
    Spiaggia nera di Nonza
  • Tollari – (vedi descrizione sopra)
  • Erbalunga – è il luogo perfetto dove fare una passeggiata tra i vicoli, sorseggiando una “Pietra”.
    IMG_20180429_191121_404
    Erbalunga
  • Port de Centuri – è un piccolo porticciolo con una casa abbandonata circondata da pietre a forma di cuore. Sulla strada da Centuri a Tollari troverete il famoso moulin Mattei, dovrete parcheggiare la macchina appena sotto e con 20 minuti di passeggiata arriverete ai piedi del mulino.
    IMG_20180429_173446_196
    Chiesa del porto di Centuri

Il Nord della Corsica.

  • Plage di Saleccia e Desert des Agriates (vedi descrizione sopra).
  • Ile Rousse – è la perfetta località di mare, con diversi bar tipici, molti ristoranti e una piazzetta dove in estate organizzano diversi concerti ed eventi, ma la cosa più bella di questo paese, oltre alla sua sirenetta in mare, è la spiaggia bianca. Il mare qui è davvero molto azzurro.
    ec554437090f110baf44be242efb8a6d
    Ile Rousse
  • Pigna e Sant’Antonino – sono due paeselli dell’entroterra, ci troviamo nella regione della Balagne e qui risiede la vera identità corsa. Pigna è la città degli artisti, spesso vengono allestite mostre e ci sono diversi artigiani che nelle loro botteghe lavorano il vetro mentre Sant’Antonino è il posto perfetto dove sedersi sotto una pianta per ammirare i corsi mentre giocano a Pétanque.
    e130b2a0939a78c32880e9e5dccdfbf6
    Pigna
  • Algajola – è la patria del windsurf e del kitesurf, però di quest’ultimo fuori stagione perchè poi è vietato. Piccolo borgo, spiaggia bianca e mare spesso mosso dal Maestrale.

Il cuore della Corsica, verde e colma di torrenti da far perdere il fiato.

  • Valle della Restonica – si trova vicino a Corte e qui scorre il fiume che prende il nome dalla valle. L’acqua è fresca e azzurra, insomma il luogo perfetto per rinfrescarsi nella calda estate, inoltre è da questo luogo che cominciano i sentieri che portano al lago di Melo e a quello di Capitello.
    0b456ff8708b7d4e1c19adc63ffb7831
    Torrente Restonica
  • Monte Cintu – è il protagonista di molte canzoni corse ed è soprattutto il monte più alto della Corsica (2706 metri s.l.m). Questa montagna è visibile anche da Calvi ma il modo migliore per viverla è campeggiare nella sua area ad esempio al camping U monte Cintu.

Il Sud della Corsica, scusate ma in questa regione mi è piaciuto solo un luogo.

  • Bonifacio – è semplicemente bellissima, dal porto parte una salita che porta alla cittadella dalla quale si può vedere la Sardegna. E’ molto piacevole passeggiare tra queste vie ed è particolarmente suggestivo percorrere la scalinata del Re d’Aragona, si tratta di 185 scalini con una inclinazione di 45 gradi che tagliano la roccia calcarea tipica delle bocche di Bonifacio.
    0dbf3c7fc8e60d2ecce02a1b63b23234
    scalinata del Re d’Aragona

L‘Ovest della Corsica, sarò di parte perchè questa è la zona in cui lavoro ma qui risiede la vera bellezza di questa isola.

  • Notre Dame de la Cerra – è un posto magico e per i religiosi sicuramente mistico, ci si arriva dalla strada che da Calvi porta alla Revellata e la vista da questo luogo è semplicemente unica, sotto vedrete la cittadella di Calvi e alla vostra destra il monte Cintu circondato da altrettante maestose montagne.
    49c6846cd6bb007ff2375f26bec5b6f2
    Notre Dame de la Cerra
  • Argentella – è il luogo del mio cuore, sarà perchè ci lavoro ma qui è il posto ideale per chi non sopporta la sabbia nel costume a fine giornata perchè camminerete su piccoli sassolini per nulla fastidiosi ai piedi. Se amate fare apnea, kayak, Stand up paddle o farvi delle grandi nuotate, questo è il vostro paradiso, tutto condito con dell’ottimo silenzio e poco inquinamento luminoso, infatti dicono sia la zona abitata più buia di Europa (anche se non ho trovato riscontro sul web)
    6e03c3f3e7b23556e3c5f994cac14d5a
    Argentella
  • Fango vicino a Galeria – è un torrente molto pulito nel qualche potrete fare dei bei bagni.
    3028fc5943cf54f5daf90707cf38cd8a
    Fango
  • Porto e le Calanche di Piana – credo che questo tratto sia uno dei più panoramici dell’isola, infatti le rocce assumono diverse forme e non vi resterà che dare sfogo alla vostra fantasia.
    70ad21ec9eb747e61110ab923ad400b6
    Calanche di Piana
  • Riserva di Scandola – per visitare queste rocce rosse a picco sul mare bisogna salire su una barca, consiglio quelle che partono da Galeria o Porto perchè sono imbarcazioni più piccole rispetto a quelle di Calvi. In quest’area dicono sia facile avvistare tartarughe e delfini. Non dimenticate il costume perchè vi faranno fare un bel tuffo 🙂
  • Golfo della Girolata – in questo posto privo di strade, è possibile arrivarci con un’escursione sempre da Porto o Galeria (spesso è la stessa di Scandola) o con una bellissima camminata di 4 ore a/r nella macchia mediterranea, partendo dal Colle della Croce, lo stesso dove dovrete lasciare l’auto.

Cosa mangiare e bere

Semplice:

  1. -Omelette con Brocciu e menta (tipico formaggio, di capra è più buono)
  2. -Fiadone (un dolce con il Brocciu)
  3. -Pastis.

Scusate ma da vegetariana sono queste le tre cose tipiche che meritano di essere citate 😉

59db32dedc8bbc7472ee7f7bc7058480
2 Pastis in un locale di corsi a Bonifacio

Buon Viaggio

Annunci

2 risposte a "Corsica: come muoversi – cosa vedere – spiagge"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...