Indocina: il mio itinerario – cosa vedere – info utili – visti e considerazioni

Nella prima parte di questo utilissimo Post vi illustrerò l’itinerario con i relativi spostamenti ed eventuali alternative mentre nella seconda parte i luoghi da non perdere (secondo me) e come raggiungerli, nel mentre farò le mie considerazioni.

ITINERARIO

  • BANGKOK – AYUTTHAYA (treno dalla stazione di Hualuamphong -un’ora e mezza di tragitto per 15 bath) possibilità di prendere un bus ma è più costoso
  • AYUTTHAYA – CHIANG MAI (treno 2 classe nottuno cuccetta 12 ore- vi consiglio di prenotarlo qualche giorno prima in stazione470 bathpossibilità di prendete il bus ma il treno è molto più comodo e caratteristico, inoltre il prezzo è più o meno lo stesso. (a Nord di Chiang Mai c’è Pai, me ne hanno parlato benissimo se avete tempo pensateci!)
  • CHIANG MAI – CHIANG RAI (bus 3 ore –160 bath) consiglio prenotatelo perché nelle ore di punta è pieno.
  • CHIANG RAI – FRONTIERA CON IL LAOS (bus 2 ore – 65 bath – partono ogni 30 min) il bus vi lascerà sulla strada dove ci sono tanti tuk tuk a prezzo fisso (50 bath a persona) che vi porteranno alla frontiera. Dopo aver passato la frontiera Thai dovrete recarvi allo sportello dove vendono i biglietti del bus che attraversa il friendbridge e infine vi troverete alla frontiera laotiana.
  • HUAY XAY – LUANG PRABANG (slow boat 210.000 kip) un viaggio di due giorni con sosta a Pakbeng per una notte non compresa nel prezzo (è magnifico fare due giorni di navigazione sul Mekong ma c’è un grosso problema da non sottovalutare, essendo una tratta turistica molti passeggerei pensano di essere su un pub galleggiante, bevono e fanno un gran casino, lasciano immondizia in giro insomma una cosa molto triste, se volete fare la stessa esperienza senza di loro dovete prendere la fast boat di un giorno a 400.000 kip)
  • LUANG PRABANG -HANOI (380.000 kip – Bus sleeper 24 ore) Da provare. Io amo fare queste tratte nei miei viaggi perciò anzi che prendere aerei che non lasciano il tempo per assimilare lo spostamento, saltate su un bus 😉
  • HANOI – HALONG BAY. Noi abbiano deciso di prendere un tour di 2 giorni con 1 notte sulla barca. Abbiamo speso 80 dollari, effettivamente sono tanti in un viaggio nel Sud Est Asiatico però credo sia la scelta migliore, altrimenti si può prendere un bus per Halong City e da lì vedere come visitare la baia. (Il nostro pacchetto prevedeva pick up dall’hotel, tragitto di 4 ore per la baia a/r, due pranzi, una cena, una colazione, la notte in una cabina doppia, kayking 1 ora, aperitivo al tramonto con due birre, entrata e visita alla caverna)
  • HANOI – HOI AN (bus 20 dollari – 16 ore – compreso pick up dall’hotel) possibilità di prendere il treno ma vi lascerà a Danag e poi dovrete prendere comunque un bus.
  • HOI AN – SAIGON (bus 21 dollari – 24 ore – compreso pick up dall’hotel) possibilità di prendere il treno ma da Danang quindi bisogna prendere prima un bus o un taxi, inoltre il tutto costa il doppio.
  • SAIGON – PHNOM PENH (bus 7 ore – 220 dong compreso pick up dall’hotel)
  • PHNOM PENH – SIEM REAP (bus 7 ore – 9 dollari compreso pick up)
  • SIEM REAP – BANGKOK (bus 10 ore – 10 dollari) tutte le agenzie vi diranno che il tragitto è di 8 ore ma non è vero, i tempi al confine sono abbastanza lunghi, tra l’altro questo border è lo stesso dove Terzani fu preso dai Khmer rossi.

THAILANDIA

Visto: 30 giorni all’arrivo in aeroporto -15 per via terra (nessun costo). Se volete quello di sei mesi ingresso multiplo fatelo in ambasciata.

Cosa fare a Bangkok

  • Avvistate un varano m. Da Chinatown continuate per il Talat Mai, proseguite verso Sud per Th Charoen Krung e ad un certo punto vi troverete su un ponte, guardate il fiume e avvisterete dei Varani, noi li abbiamo visti più di una volta. (Per i thailandesi avvistare un varano porta sfortuna)
  • Wat Arun (50bath) è il tempio che più mi è piaciuto.

Si trova al di là del fiume rispetto al Grand Palace e si raggiunge con un battello (4 bath) dalla via di fronte al Wat Pho. (Io non l’ho provato ma dentro c’è la possibilità di farvi fare un massaggio e mi hanno riferito che lo fanno molto bene)

  • Wat saket (20 bath) conosciuto anche come gold mount. È bellissimo e per arrivare in cima si salgono tanti scalini color mattone intervallati da suonanti campane.

È in centro ma un po’ fuori dalla zona dei templi perciò noi abbiamo optato per un tipico tuk tuk.

  • Wat Pho (100 bathovviamente da non perdere per il budda sdraiato

 E’ dietro al Grand Palace (il motivo per cui non inserirò nelle cose da vedere questo luogo è perché io l’ho trovato colmo di gente e non me lo sono goduta, del resto come fai quando intorno a te ci sono duemila persone e non credo di esagerare credetemi !!!)

  • Chinatown è semplicemente Chinatown: mille odori, mille cibi e mille insegne luminose.

È nella parte Sud della città e si mangia con un badget decisamente basso.

  • Escursione al Railway market. È abbastanza autentico infatti i prodotti venduti sono locali e non destinati ai circuiti turistici. Il treno che attraversa questo mercato arriva ad una velocità bassissima intorno alle nove di mattina e dovrebbe essercene un altro nel pomeriggio.

Se avete tempo potete recarvi da soli in caso contrariato dovrete aggiungervi ai tuor che vendono in tutte le agenzie.
Cosa vedere ad Ayuttaya 

Prima dritta: non fatela in giornata da Bangkok, è così deliziosa che vale la pena fermarsi per la notte (io ne ho fatte 2 e ho alloggiato all’ostello 1301, stupendo, economico e sul fiume)
Seconda dritta: noleggiate una bicicletta a 50 bath al giorno e perdetevi nei templi, qui sotto vi proporrò 6 da non perdere:

  1. Wat Phra Si Sanphet
  2. Wat Ratchaburana
  3. Wat Chai Watthanaram
  4. Wat Maha That
  5. Wat Lokayasutharam 
  6. Wat Krasattrathirat 


Cosa fare a Chiang Mai 

Chiang Mai è la città in cui usare buon senso. Perciò tiratelo fuori e lasciate stare le passeggiate sugli elefanti, le visite alle donne giraffa, gli show delle scimmie in bicicletta e quelli dei cobra.

Usiamo la testa e creiamo un turismo non crudele, perché siamo noi a crearlo. (Ahhh inoltre evitate di fare le foto ai/con i bambini in abiti tradizionali fuori dai templi, sono usati come un human zoo)

Dopo queste dovute premesse ecco cosa fare in questa città del Nord:

  • Fatevi coccolare da un massaggio thai ma non da uno qualsiasi, andate nel centro delle donne detenute (200bath). Ci sono tre aspetti positivi di questa scelta, il primo è che le donne sono stipendiate e quanto saranno libere avranno un gruzzoletto per ricominciare, secondo imparano un mestiere e terzo passano la giornata fuori dal carcere. Ovviamente non si tratta di assassine. Un’esperienza unica! Sono professionali, l’ambiente è rilassante e pulito. Per raggiungerlo dovete recarvi dove c’è la stazione di polizia in centro e prendere via Jhaban dopo 300 metri ve lo trovate sulla sinistra.
  • Un’altro massaggio da non perdere è quello fatto dalle donne ex detenute (200bath), magari per cambiare potete fare quello ai piedi. Anche qui pulizia e professionalità! Si trova a 30 metri da quello delle detenute.
  • Visitate l’Elephant nature Park. Si tratta di un centro per elefanti recuperati dalla cattività, qui vengono coccolati, nutriti e lavati nel fiume dopo averli massaggiati con un po’ di fango. (Prenotate in anticipo sul sito, inoltre il costo non è basso ma sappiate che per mantenere e comprare gli elefanti dagli sfruttatori ci vogliono molti soldi e credo sia un nostro dovere morale aiutare questo progetto 2.500 bath) Mi raccomando se non c’è posto al single day non disperate ma affidatevi ai progetti saddle off, con i quali aiuterete anche le piccole comunità locali. Inoltre se avete più tempo a disposizione valutate la settimana di volontariato, io quando ci tornerò mi piacerebbe dedicarmi al progetto con i cani.
  • Godetevi un incontro di MuayThai vicino al night bazar. A me è piaciuto davvero tanto, i biglietti si possono comprare sia nelle agenzie in centro che per strada. (400bath)

Cosa vedere a Chiang Rai 

  • White temple (50 bath) é lontano più o meno 15 km quindi conviene farvi portare con un tuk tuk a/r in 3 persone 350 bath compreso il passaggio al blue temple.
  • Blue temple (free) è semplicemente stupendo !!! Il mio preferito non perdetevelo.
  • Bevetevi un caffè al Cat n’ a Cup. Un locale dove si può sorseggiare un caffè in compagnia di stupendi e coccolosi gatti. Chiamateli rigorosamente con il loro nome!! (Troverete foto e nome appesi nel locale) 

Se siete vegetariani ho 4 dritte per voi 

  • A chinatown potete mangiare solo il Moornig Glory, che è delizioso ed economico.
  • In alcuni posti fanno il pad thai vegetariano e anche il fried rise.
  • Per indicare il cibo vegetariano in lingua thai si deve dire JAI ma tanto nessuno vi capirà.
  • Nei super mercati 7/eleven troverete dei toast al formaggio che vi scalderanno loro e del riso con le verdure nel frigo e anche questo ve lo scalderanno al momento.

LAOS

Visto: alla frontiera terrestre o aeroportuale ti fanno il visa on arrival, porta con te 37 dollari (accettano malvolentieri anche i bath) o puoi cambiarli al confine. (A due ragazze davanti a noi hanno fatto storie perché avevano dei dollari vecchi,vogliono quelli nuovi!). Oltre ai soldi porta con te una fototessara formato normale.

Cosa fare a Luang Prabang

  • Noleggiare una bicicletta e andare a a spasso per templi. (noleggio 20.000 kip -24 ore) Per quanto riguarda le entrate sappiate che sono tutte a pagamento magari scegliete in quali tempio dedicare del tempo e gli altri  potete goderveli anche da fuori.
  • Salire sulla cima della collina che ospita il wat Phousi, ammirare il maestoso Mekong e la deliziosa Luang Prabang dall’alto, ricordate che se salite dalla parte del night bazar dovrete scendere dalla parte opposta per ammirare tutte le statue del Budda lungo il percorso. (20.000 kip ne vale la pena)
  • Prendere un tuk tuk/taxi tuk e andate a tuffarvi nelle kung si warterfall (si trovano 30 km fuori dalla città – entrata 20.000 kip – il passaggio a/r +3 ore di attesa 30.000 kip a testa, però bisogna riempire il tuk tuk e di solito ci pensano gli autisti)
  • Dedicate 1 ora del tempo delle cascate al Progetto di FreeTheBears. All’entrata troverete un percorso che vi illustrerà la triste sorte degli orsi della luna e potrete avvistarne qualcuno di loro nei recinti. Meglio in questi recinti che nelle mani degli assassini che li costringono in gabbie strette con un catetare di metallo infilato nella cistifellea per estarre la bile, ingrediente importante nella medicina cinese 😱. Dobbiamo sostenere questa aassociazione con  delle donazioni sul sito o comprando la loro oggettistica. Free the bears !!!

VIETNAM

Visto: sul web c’è tantissima confusione perciò cercherò di essere chiara. Per un soggiorno inferiore ai 15 giorni non è necessario il visto, quindi in qualsiasi frontiera terrestre e aeroportuale verrà applicato un timbro valido 15 giorni. Se state di più è possibile ottenere il visa on arrival solo in aeroporto, comunque contattare l’ambasciata italiana di Hanoi che risponde in miniera più veloce e più chiara rispetto a quella vietnamita in Italia.

Cosa vedere ad Hanoi

La risposta è boh. A noi non è piaciuta, troppo traffico e un caos da far venire mal di testa. Ci siamo persi un po’ nella Old town e siamo scappati a gambe levate dopo aver comprato il tour per Halong bay, inoltre ci siamo organizzati sempre con la la stessa l’agenzia per sparire con un bus notturno dopo Halong senza spendere una notte in più nella capitale, però una ragazza che abbiamo incontrato ci ha mostrato un video di un treno che passa in mezzo ad un mercato simile a quello fuori da Bangkok magari questa è una cosa carina da vedere e passa due volte al pomeriggio. Di tipico da bere c’è il caffè l’uovo – egg coffee (non mi è piaciuto) e la birra più economica del mondo, la Bia ho (buona).

Cosa vedere ad Hoi An

  • La parte antica della città con i suoi edifici (dovete acquisitare un biglietto con 5 ingressi a 120.00 dong in uno dei tanti baracchini ufficiali sparsi per la città, i siti sono più di cinque perciò dovrete scegliere a quali dare la priorità)
  • Passeggiate nell’ora del tramonto per i vicoli pieni di lanterne e perdetevi tra queste luci colorate.

Cosa fare a Saigon/Ho Chi Minh 

  • Perdetevi nella Saigon by night
  • Il tour del Delta del Mekong lo sconsiglio perché finirete per essere sballottati tra le isolette senza gustarvi la visita, perciò vi consiglio il “fai da te” che richiede più tempo.

CAMBOGIA

Visto: noi abbiamo fatto il visa on arrival direttamente alla frontiera, pagando 35 dollari anzi che 30 perché in Cambogia funziona così, inoltre vi è l’indicazione di portare una fototessera per il visto che a noi non è stata neanche chiesta. Tutta questa procedura di timbro d’uscita dal Vietnam e di visa in Cambogia è stata fatta all’autista del bus, non c’era scelta perciò abbiamo dato passaporti e soldi direttamente a lui, in questo modo non ci sono stati controlli, nessuno ha guardato la mia faccia e poi la foto sul passaporto 😑 (credo che i miei 5 dollari siano serviti a questo), comunque c’è la possibilità di compilare un e-visa e in 3 giorni vi arriva l’e-mail di accettazione, però non tutte le frontiere accettano questo e-visa perciò vi consiglio di non farlo.

Cosa fare a Phnom Penh

  • I campi della morte di Choung Ek e il Museo di Tuon Sleng meglio conosciuto come prigione21 (6 dollari – 8 dollari). Sono visite molto impegnative che occupano una giornata intera, vi consiglio di prendere l’audio guida così avrete modo di comprendete questo genocidio. (3 milioni di persone, 1/4 della popolazione cambogiana fu assassinata da Pol Pot con i suoi Khmer rossi). I due luoghi distano una quindicina di chilometri, perciò consiglio vivamente un tuk tuk ma non da passaggio singolo, organizzatevi per la giornata (15 – 18 dollari – da dividere con chi verrà con voi)
  • Gustatevi una birra al FCC, magari nell’ora del tramonto, perché vi consiglio questo locale?!? Perché il grande Tiziano Terzani e altri corrispondenti esteri si ritrovavano qui durante il periodo dei bombardamenti americani.
  • Rilassatevi con un massaggio eseguito da persone non vedenti al centro “seeing hands massage” (7 -10 dollari). Semplicemente rigenerante e se vi capita di vedere altri centri che impiegano persone non vedenti, informatevi perché in alcuni vengono sfruttati 😡

Cosa fare a Siem Reap

  • Partiamo col botto !! Angkor Wat, 37 dollari il ticket di un giorno, cosa da pazzi perché è una cifra esagerata per il sito che è, nonostante questa parentesi dovuta sul prezzo folle, il sito è bello, i templi sono tanti e non si può non vederli. Come raggiungere Angkot wat da Siem Reap? Avete tre possibilità: con un pulmino organizzato, una bici ma sono quasi 40 km tra a/r o con un tuk tuk giornaliero al prezzo di 15 dollari. 
  • Anche qui c’è un centro “seeing hands massage” e ve lo consiglio più dell’altro, la situazione è molto spartana ma la competenza è magnifica, esci che sei nuova!

In Cambogia se ordinate pizze, cibi o bevande con l’aggettivo “happy” sappiate che sono proprio happy! Nel senso che c’è dell’erba 😑

Buona Indocina !

(In questa regione è compresa anche la Birmania che non ho visitato e un pezzo di Malesia peninsulare, non il Borneo! Terminata la Malesia peninsulare inzia la regione Insulindia)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...