Quella volta in India: BHANG LASSI

india-1-527Stamattina durante la solita colazione domenicale al bar del Paese, abbiamo parlato con una coppia di nostri amici riguardo all’effetto della cannabis presa per via orale, ad esempio cucinata con una torta. E non ho potuto fare a meno che raccontare di quella volta in India in cui ho bevuto un BHANG LASSI.

Il Lassi è una bevanda tipica indiana a base di yogurtfruttaacqua e spezie e proviene dal Punjab, una regione a Nord-Ovest al confine con il Pakistan, mentre il Bhang è un preparato a base di cannabis, molto diffuso durante le feste indù. Molto spesso passeggiando tra i vicoli è possibile vedere la preparazione di questo impasto fatto con un mortaio e ci tengo a precisare che il prodotto non è per turisti sballoni e irresponsabili. Il Bhang è parte integrante della cultura fin dai tempi vedici, pensate che i Sadhu lo usano per raggiungere stadi trascendentali perciò provare questa esperienza è un passo per conoscere la loro cultura, se qualcuno cerca lo sballo e vuole fare casino ha capito male!

india 1 541

Il confine in India tra legale e illegale non l’ho mai capito perciò questo non so dirlo però posso assicurare che in molti posti si beve liberamente.

india 1 542Quindi il Bhang Lassi è una frullato a base di yogurt e cannabis, le due sostanze vengono mischiate con un attrezzo in legno  e quando la bevanda diventa di un verde omogeneo è pronta per essere servita.

Io ho bevuto il Bhang a Pushkar, la perla della mia India. Eravamo in un locale molto famoso del centro, su più piani con un’ottima vista sul villaggio e la bevanda era a listino perciò mi sono detta “proviamolo!!

Dopo averlo ordinato mi ricordo di quella volta ad Amsterdam. Sì, il mio cervello lo aveva rimosso ma il mio inconscio aveva riportato alla memoria il muffin a base di cannabis che avevo mangiato in Olanda. Ero stata malissimo, vittima dello svarione ero stata trascinata in un turbine di sensazioni incontrollate. Con questo non voglio dire che quei muffin fanno questo effetto ma quello era l’effetto che la cannabis presa per via orale aveva su di me. 

Mentre aspettavo il cameriere pensavo tra me e me “ma non sarà come quella chimicata ad Amsterdam, perchè qui è naturale perciò non proverò le stesse sensazioni che avevo provato anni prima”.

Mi faccio coraggio e mi prendo bene, perchè prendersi bene in queste situazioni è il 99% del lavoro, la mente inganna e bisogna saperla gestire.

Ecco come non detto, appena cominciata da digestione lo svarione è salito come non mai, tutto intorno a me girava, volevo solo chiudere gli occhi è svegliarmi il giorno dopo e così ho fatto. Ho ricordi sbiaditi ma ci sono delle foto che hanno testimoniato il fatto che io non riesco a digerire la cannabis senza stare male. Questa è la mia esperienza perchè per esempio il mio compagno Andrea e altri due nostri amici valtellinesi che avevamo conosciuto lì erano stati benissimo e si erano anche divertiti

563746_10201024970251076_1173411473_n
Quando un secchio diventa il tuo miglior alleato: rimettere il Bhang Lassi. Fatto!

Mi dispiace non essermi vissuta bene questa esperienza indiana però ci ho provato 😉

Quindi dopo averlo provato mi sento di dare 4 consigli !

  1. Non berlo mai da solo o con qualcuno che lo beve per la prima volta con te
  2. Bevilo in posti autorizzati non da ambulanti
  3. Chiedi se il primo lo possono fare leggero
  4. Non bevetelo in un posto lontano dal vostro hotel

 

 

Annunci

Una risposta a "Quella volta in India: BHANG LASSI"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...