Le terme libere della Toscana

Dicembre, mese ideale per immergersi nelle calde acque delle colline toscane, il clima freddo permise al nostro corpo di gustarsi appieno il calore delle acque termali. Il tour alla ricerca delle terme libere ebbe inizio con una breve sosta a Careggine, paesino immerso nelle Alpi apuane, dormimmo nel nostro volkswagen T3 e la mattina seguente guidammo fino a Siena per una semplice visita turistica. A 20 km dalla città del famosissimo palio, trovammo la nostra prima tappa:

  • Le terme di San Petriolo, situate nella valle dell’Ombrone, sono famose per essere le più calde di tutta la Toscana, infatti l’acqua sgorga fino a 47 gradi centigradi. Le conche sono definite con mura artificiali costruite coi sassi del fiume, quindi vi è l’acqua calda all’interno mentre all’esterno scorre l’acqua gelida del torrente Farma, ottima combinazione per riattivare la circolazione, inoltre i sassi presenti nel sito sono fatti di argilla ed è possibile creare pastelle da spalmare sul viso.

1607066_10202927844021731_1244357092_n 1546092_10202927842941704_822505105_n

Passammo una giornata stupenda, in totale relax e la sera partimmo alla volta delle Terme dei Bagni di San Filippo;

  • In questo paese della valle d’Orcia, ci sono due tipi di terme, le prime riguardano la zona più bassa del bosco dove ci sono le acque più antiche, nelle quali non è possibile immergersi completamente per via della poca profondità delle conche e poi ci sono le seconde, che si trovano più in alto rispetto al torrente e sono state create dai ragazzi del paese che attraverso la scoperta di altri sgorghi di acqua termale hanno costruito tre vasche grandi con i bordi in legno, queste sono le più selvagge di tutta la regione e le ritengo essere quelle più in simbiosi con la natura circostante.

1496703_10202927845301763_296719073_n _DSC0415

L’ultima tappa del tour termale fu ovviamente Saturnia;

  • Saturnia è un luogo incantevole, quasi fiabesco, immerso nella maremma grossetana e nascosto dalla verde vegetazione circostante. Le sue acque sulfuree sgorgano ad una temperatura di 37,5 °C e hanno rinomate proprietà terapeutiche, il sito più famoso è quello del vecchio mulino e secondo la leggenda, le terme si sarebbero formate nel punto in cui cadde un fulmine che Giove scagliò contro Saturno, mancandolo, a seguito di un violento litigio scoppiato tra le due divinità.

1546147_10202927847621821_1248131747_n

Dopo una settimana di  benessere partimmo alla volta dell’Umbria …….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...