Girovagando per il Rajasthan in attesa della chiamata di Jallal

Immagine

Arrivammo a Jaipur intorno a mezzanotte, la stazione dei bus era affollata di persone e tuc tuc in cerca dell’ultimo o del primo cliente della giornata, scendemmo coi nostri zaini poco vistosi e con la faccia sicura di “quelli che sapevano dove andare” imboccammo una via.

Nulla di più falso, non avevamo idea di dove andare ma una cosa era certa non avevamo la minima intenzione di farci sballottare da qualche indiano nella notte.

Dopo diverse ricerche trovammo un hotel non molto a buon mercato ma ci fermammo lo stesso perchè eravamo esausti.

Passammo una bella notte, acqua calda, letto pulito e una tv che trasmetteva “the dangerous tour Micheal Jackson”, una ventata di occidente in pieno oriente.

india 1 311 (2)La mattina seguente prendemmo un tuc tuc per recarci di nuovo nella bus station. Nel tragitto passammo davanti all’attrazione turistica di Jaipur “il palazzo dei venti“, è davvero bello come lo si immagina, imponente e rifinito dettagliatamente, dopo questa breve sosta continuammo verso la nostra destinazione e salimmo su un bus diretto a Pushkar, l’unico problema del tragitto fu la nostra collocazione, eravamo affianco al conducente, anzi mi correggo eravamo affianco al clackson e in India sul retro di ogni autovettura c’è scritto “blow horn please”, non vi dico!!  Arrivammo a Pushkar con i timpani rotti !

529187_10201024940770339_606070824_nPushkar fu una delle mete che ci restò nel cuore, una goccia nel deserto, la leggenda dice che è stata creata da Brahma e se la vedrete non metterete in dubbio le sue origini perché sembra proprio divina.

Qui, incontrammo dei ragazzi valtellinesi con i quali gustammo un Bang Lassi! Siete curiosi di sapere di che si tratta ? ecco il mio Post a riguardo —> Bang Lassi

DELLA CHIAMATA DI JALLAL NEL FRATTEMPO NESSUNA TRACCIA.

Dopo qualche giorno prendemmo un bus notturno per risparmiare sulla notte e ci recammo a Udaipur, fummo sbattuti giù dal bus insieme a sacchi di fiori,  in compenso passammo l’alba più bella della nostra vita.

558799_10201024946610485_1899535695_nUn Bramino ci invitò nel tempio dove il bus ci aveva appena scaricati e ci offrì un chai, l’alba ci colpì inaspettatamente e la speranza di rivedere la nostra moto si faceva sentire.

Udaipur, colazione su una terrazza, il telefono squilla: Jallal!!!!!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...